Fondazione Donizetti Bergamo | CHI SIAMO - Fondazione Donizetti Bergamo
16384
page,page-id-16384,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.3,vc_responsive
 

CHI SIAMO

La Fondazione Donizetti è stata creata all’inizio degli anni ’90 da un’idea di Gianandrea Gavazzeni, ed è diventata operativa nel 1997,
anno del Bicentenario della nascita di Gaetano Donizetti. Il Comune di Bergamo è il socio fondatore e principale sostenitore.

Il direttore scientifico della Fondazione Donizetti è Paolo Fabbri.

CONTINUA A LEGGERE

L’Istituto Culturale è nato per costituire e radicare un centro di documentazione donizettiana a Bergamo, avente come scopo la sistematica raccolta delle fonti documentarie (bibliografiche, archivistiche, musicali, iconografiche, sonore) utili allo studio della vita e della produzione di Gaetano Donizetti, e alle indagini sui suoi maestri e i suoi tempi. Nel primo periodo della sua vita la Fondazione ha impiegato risorse e personale al fine di ampliare il più velocemente possibile il centro di documentazione.

La sede allestita presso il Teatro Donizetti ospita direzione e uffici, insieme ad una BIBLIOTECA SPECIALIZZATA.

 

La Fondazione è inoltre presente sul mercato antiquario per acquisire materiali originali, e insieme per proporsi come destinataria di donazioni; contemporaneamente ha avviato una sistematica campagna di riproduzione e conservazione di tutte le fonti primarie e secondarie reperibili. La Fondazione ha acquisito oltre 1500 documenti originali, con autografi – tra l’altro – di Donizetti, Mayr (il maestro di Donizetti), Bellini, Meyerbeer, Verdi ed altri rappresentanti del mondo culturale dell’epoca donizettiana, compiendo ritrovamenti d’eccezionale importanza scientifica e contribuendo alla concentrazione delle fonti nella città natale del compositore.

 

Intensa la PRODUZIONE EDITORIALE che contempla sei diverse collane: Saggi e monografie (studi dedicati ad uno specifico argomento o compositore), Le fonti donizettiane (studi dedicati a fonti musicali e documentarie), Epistolari (edizione dei carteggi mayriani scientificamente controllate), Quaderni della Fondazione Donizetti (monografie dedicate alle opere che compongono il cartellone del Bergamo Musica Festival), Casa natale. Le guide (agili monografie a carattere divulgativo), Le musiche (revisioni sulle fonti di opere poco conosciute di Donizetti e di Mayr).

 

Nel contempo la Fondazione sostiene l’Edizione Critica delle Opere di Gaetano Donizetti pubblicata in coedizione con Casa Ricordi. Dal 2001 l’Edizione Critica è diventata EDIZIONE NAZIONALE DELLE OPERE DI GAETANO DONIZETTI, grazie alla prestigiosa qualifica emanata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. I titoli già distribuiti sono: Maria Stuarda, Il campanello, La favorite, Poliuto, Le convenienze ed inconvenienze teatrali, Dom Sébastien, Linda di Chamounix, Pia de’ Tolomei, Deux hommes et une femme, Betly, Maria di Rohan. Per l’esecuzione è invece possibile noleggiare le nuove edizioni critiche di Adelia, Maria di Rohan, Lucia di Lammermoor. Le nostre edizioni critiche vengono regolarmente utilizzate dai più importanti teatri del mondo. Fra gli altri: La Scala di Milano, La Fenice di Venezia, Opera di Roma, Carlo Felice di Genova, Arena di Verona, Comunale di Bologna, Covent Garden di Londra, Metropolitan di New York, Opéra di Parigi, Wexford Opera Festival, Festival della Valle d’Itria.

 

Parallelamente la Fondazione Donizetti prepara per l’esecuzione trascrizioni basate sugli autografi di opere rare o non facilmente disponibili di Mayr e Donizetti: Pietro il Grande (San Pietroburgo 2003, Martina Franca 2004), Che Originali (Venezia 2004), Parisina (Bergamo 2004), Don Gregorio (Wexford 2006, Bergamo 2007), Marino Faliero (Bergamo e Sassari 2008), Amor ingegnoso (Bergamo 2010), Gemma di Vergy (Bergamo 2011), Maria de Rudenz (Bergamo 2013), Il furioso all’isola di San Domingo (Bergamo, Ravenna, Modena, Rovigo, Piacenza 2013).

 

La Fondazione ha dato inoltre avvio ai lavori sul Catalogo Musicale di Donizetti, e svolge un servizio al pubblico di consulenza e distribuzione delle fonti possedute e accessibili. È in lavorazione la nuova edizione dello Zavadini, il celebre epistolario che ha fatto conoscere la figura umana e artistica di Donizetti nel mondo. Sempre nell’ambito degli epistolari si è cominciata la raccolta ed edizione del carteggio di Giovanni Simone Mayr in collaborazione con la Biblioteca “Angelo Mai” di Bergamo.

Di primaria importanza è lo stretto rapporto con il Teatro Donizetti di Bergamo, presso cui la Fondazione ha trovato la propria sede. In occasione della Stagione Lirica vengono puntualmente organizzati incontri con eminenti artisti e musicologi al fine di avvicinare il pubblico alla comprensione delle opere in programma. Inoltre la Fondazione gestisce la “Biblioteca dello Spettacolo” e l’Archivio fotografico e video del Teatro Donizetti.

 

Numerose le giornate di studio, i convegni e le mostre organizzati nella città di Bergamo, collaborando con istituzioni quali il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Casa Ricordi, il Comune di Bergamo, il Centro Studi Puccini di Lucca, l’Università degli Studi di Ferrara, l’Università degli Studi di Bergamo, la Biblioteca Civica “Angelo Mai”, il Teatro Donizetti, l’Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di Bergamo, l’Istituto Musicale Gaetano Donizetti, la Misericordia Maggiore, la Fondazione della Comunità Bergamasca.

A loro volta gli esperti della Fondazione Donizetti partecipano a conferenze, giornate di studio, convegni organizzati da enti quali: Université de Fribourg, University of Cambridge, Université Paris 8, Université François-Rabelais de Tours, Hochschule der Künste Bern, Università di Firenze, Università di Ferrara, Simon Mayr Gesellschaft, Teatro La Fenice di Venezia, Teatro Regio di Parma.

 

I membri della sezione scientifica della Fondazione sono spesso invitati a stendere programmi di sala e saggi musicologici da prestigiosi istituti. Tra questi: Oxford University Press («The Opera Quarterly»), Donizetti Society di Londra («The Donizetti Society Journal» e «Donizetti Society Newsletter»), Teatro de la Maestranza di Siviglia (Alahor in Granata), Conservatorio di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste e Teatro Giuseppe Verdi di Trieste (Ginevra di Scozia), Internationale Simon Mayr Gesellschaft di Ingolstadt (Atalia), Teatro La Fenice di Venezia (L’elisir d’amore, Marino Faliero, Pia de’ Tolomei, Maria Stuarda, Lucia di Lammermoor), Teatro alla Scala di Milano (Lucia di Lammermoor), Teatro Massimo di Palermo (Lucia di Lammermoor), Italia per San Pietroburgo (Pietro il Grande), Conservatorio di Musica “Benedetto Marcello” di Venezia (Che Originali), Festival della Valle d’Itria (Pietro il Grande), Festival di Wexford (Don Gregorio).

 

Dal 2006 la Fondazione Donizetti organizza, insieme al Comune di Bergamo e al Teatro Donizetti, la Stagione Lirica dedicata al grande compositore orobico.

ORGANIGRAMMA

CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE

PRESIDENTE Giorgio Gori
DELEGATO ALLA PRESIDENZA Nadia Ghisalberti
VICEPRESIDENTE Matteo Rossi
DELEGATO ALLA VICEPRESIDENZA Agostino Agostinelli
CONSIGLIERI Enrico Fusi, Ornella Bramani, Giovanni Thiella

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REVISORE Silvia Bassoli, Raffaella Salcone, Alberto Volpi

AREA SCIENTIFICA

DIRETTORE Paolo Fabbri
RESPONSABILI RICERCA, DIDATTICA E EDITORIA Livio Aragona, Federico Fornoni
COLLABORATORI Maria Chiara Bertieri, Clelia Epis, Alberto Sonzogni

AREA AMMINISTRATIVA

RESPONSABILE Caterina Pusineri
AMMINISTRAZIONE Silvia Bonanomi, Elisa Gambero

AREA COMUNICAZIONE

MARKETING Andrea Compagnucci
UFFICIO STAMPA Floriana Tessitore
COLLABORATORE Joannes Tasca