Biglietteriah. 13:00-20:00 / da Martedì a Sabato T. +39 035 4160 601 / 602 / 603
  • Home /
  • News /
  • Il progetto "Gli Ambasciatori di Donizetti” vince il premio Cultura+Impresa 2019-2020
  • Il progetto “Gli Ambasciatori di Donizetti” vince il premio Cultura+Impresa 2019-2020

    Il progetto “Gli Ambasciatori di Donizetti” vince il premio Cultura+Impresa 2019-2020

    Cerimonia di premiazione in live streaming lunedì 20 luglio, ore 10:00
     
    Il progetto Ambasciatori di Donizetti, ideato a sostegno del festival Donizetti Opera, è il vincitore del Premio Cultura+Impresa 2019/2010 nella categoria “Applicazione dell’Art Bonus”, ulteriore tappa positiva del cammino di consolidamento che il festival bergamasco sta compiendo da cinque anni a questa parte.
    Il Premio, alla sua settima edizione, è dedicato ai migliori progetti di partnership in campo culturale sviluppati in Italia ed è diviso in varie categorie: promosso dall’omonimo Comitato non profit fondato da Federculture e The Round Table, con il contributo di ALES, Unioncamere Lombardia, Fondazione Cariplo e il patrocinio istituzionale del MIBACT e del Comune di Milano, è considerato il principale osservatorio in Italia intorno a queste dinamiche, ed è finalizzato a individuare e valorizzare le migliori collaborazioni tra il mondo pubblico e privato nella Cultura.
    Lunedì 20 luglio, alle ore 10:00, sarà possibile partecipare al workshop di premiazione accedendo tramite il seguente link:
     
    https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_cpH8WVxjTDa3AFJ9Pu7U2w
     
    Per la Fondazione Teatro Donizetti parteciperanno all’incontro di premiazione il presidente Giorgio Berta e il responsabile marketing e fund raising Andrea Compagnucci; la conversazione sarà moderata dal presidente del comitato Cultura+Impresa Francesco Moneta e dal vicepresidente della fondazione Fiztcarraldo Catterina Seia.
     
    Il progetto degli Ambasciatori di Donizetti, nato per sostenere il festival dedicato al compositore Bergamasco, è partito alcuni anni fa, riscuotendo subito un indubbio successo fra le aziende del territorio. L’iniziativa si è subito posizionata tra le migliori in Italia per la raccolta fondi a sostegno dell’opera lirica, una vera e propria azione di membership che attualizza il concetto stesso di mecenatismo, proprio attraverso lo strumento dell’Art Bonus, creato dal Governo per favorire il sostegno dei privati al finanziamento della cultura e prevede agevolazioni fiscali del 65% in tre anni.
    Questo l’elenco attuale degli Ambasciatori di Donizetti: Alfaparf Group S.p.A., Ambrosini Holding S.r.l., Assolari Luigi & C. S.p.A., Automha S.p.A., Calvi Holding S.p.A., Caseificio Defendi Luigi S.r.l., Cividini Ing. e Co. S.r.l., FraMar S.p.A., Granulati Zandobbio S.p.A, Gripple S.r.l., ICRO, Intertrasport S.p.A., Italcanditi S.p.A., Lovato Electric S.p.A., MC events S.r.l., Montello S.p.A., Neodecortech S.p.A., OMB Valves S.p.A., F.lli Pellegrini S.p.A., Persico S.p.A., PM Plastic Materials, Punto Azzurro S.r.l., Sinergia S.r.l., Sistel S.r.l., Stucchi S.p.A., Tenaris Dalmine. E ancora UBI Banca, SACBO e AB Energie.
     
    «I progetti benchmark di questa VII Edizione del Premio Cultura + Impresa devono essere un punto di riferimento per potenziare ulteriormente l’alleanza strategica tra Cultura e Impresa, che in questo momento complesso conferma di apportare benefici significativi a entrambi – commenta Francesco Moneta, Presidente del Comitato Cultura+Impresa fondato da The Round Table e Federculture – La nostra economia e la nostra società saranno competitive e vincenti in quanto “culturacentriche”: il trend positivo che ha visto negli ultimi anni crescere in quantità e qualità questa alleanza è frutto di una consapevolezza crescente da parte delle Imprese che “investire in Arti e Cultura conviene”, apporta benefici concreti in termini di reputazione, comunicazione, valore aggiunto ai propri processi creativi e produttivi. I 9 Progetti che premiamo quest’anno sono peraltro solo una rappresentanza di molti altri – a partire dalla nostra Short list – che meritano di essere studiati e se possibile emulati dai protagonisti di questa speciale “filiera della Cultura+Impresa”».